Perché la reputazione è così importante?

Ne “La Repubblica” Platone descrive uno stato ideale che si fonda sulla divisione giusta dei compiti tra i suoi diversi membri: donne e uomini si dividono i compiti in uno spirito di delega e collaborazione, elementi essenziali per qualsiasi sistema sociale.

Ma per delegare e collaborare è necessario avere fiducia nel soggetto cui intendiamo delegare o con cui intendiamo collaborare. Dunque, la fiducia è il sostrato che rende possibile delega e collaborazione. E come si costruisce la fiducia? La fiducia si costruisce proprio a partire dalla reputazione degli individui.

La reputazione è anche un connotato della nostra identità, ovvero è l’insieme delle informazioni che qualificano la nostra identità.

Nella società dell’informazione la reputazione è una moneta da spendere, ma anche un’economia nella quale investire.

Da un punto di vista etico, la reputazione è la radice da salvaguardare per assicurarsi che il tessuto sociale cresca sano ed integro.

La reputazione è dunque il sostrato sul quale costruiamo le nostre relazioni sociali.