Codice della Reputazione Universale

 

INTRODUZIONE

  1. La reputazione (o nomea) di un soggetto (una persona, un’istituzione, un’azienda e così via) è la considerazione o la stima di cui questo soggetto gode nella società. A differenza di “stima”, il termine reputazione ha valenza neutra; si può cioè godere di una buona o di una cattiva reputazione (essere stimati o disistimati).
  2. In economia, come recita l’economista George Stigler, la reputazione denota la “persistenza delle qualità” e ha un valore in quanto economizza sulla correlata ricerca, nel senso che si può prescindere da una ricerca – e dai suoi costi – se la reputazione del soggetto ricercato è incontrovertibile.
  3. La reputazione denota una distinzione competitiva che in termini di rischio reputazionale diventa “un’alterazione del giudizio e del rapporto fiduciario percepito dalla clientela” (economista Giampaolo Gabbi).

PREAMBOLO

A. Considerato che tutte le informazioni relative alle persone fisiche e giuridiche contribuiscono a formarne la reputazione;

B. considerato che le informazioni non veritiere contribuiscono in ugual misura di quelle veritiere alla formazione della reputazione di persone fisiche e giuridiche;

C. considerato che in assenza di documenti verificabili risulta arduo riconoscere un’informazione veritiera da una falsa;

D. considerata l’importanza che la reputazione di persone fisiche e giuridiche ha ai fini della vita delle persone stesse nelle sue varie espressioni;

E. considerata la sempre maggiore facilità e rapidità con la quale è possibile reperire informazioni veritiere e false relative a persone fisiche e giuridiche;

F. considerata l’esigenza di contrastare la pratica della “costruzione artificiosa della reputazione” attraverso l’INGEGNERIA REPUTAZIONALE diffusa anche sul WEB che potrebbe configurare una nuova IPOTESI DI REATO contro la fede pubblica perché crea IDENTITA’ DIGITALI, svincolate dalle identità reali, e sviluppa RATING FALSI che costituiscono, tra l’altro, un OSTACOLO agli ACCERTAMENTI privati – in primis delle imprese corporate (per la determinazione della reputazione di fornitori, dipendenti e clienti) e di Avvocati, Commercialisti, Revisori Legali e Notai in proprio (per la determinazione della reputazione dei potenziali clienti) e nell’interesse dei rispettivi clienti (per la determinazione della reputazione delle controparti) – alle attività di INTELLIGENCE e di lotta al CRIMINE;

G. considerato, quindi, che la reputazione è un asset essenziale ai fini dello svolgimento delle attività umane in condizioni di garantire la sicurezza delle transazioni sociali che avvengono tra le persone fisiche e giuridiche, alimentando sentimenti di AFFIDAMENTO FIDUCIARIO;

H. considerata l’esigenza di misurare e dare quindi valore alla REPUTAZIONE, trasformandola da “ASSET SOCIALE CHIAVE” ad “ASSET ECONOMICO CHIAVE” – di cui le prove DOCUMENTALI sono l’essenza costitutiva – trasformandolo da “Percezione Soggettiva” ad “ELEMENTO OGGETTIVO”, con il RISULTATO di costituire UN ASSET nuovo, esclusivo, totalmente diffuso, quantificabile nel suo VALORE;

I. considerata l’esigenza di realizzare uno strumento in grado di garantire e tutelare ogni persona fisica e giuridica in merito alla reputazione propria e altrui;

J. considerato, infine, il valore universale della reputazione e pertanto la necessità che venga fatto ogni sforzo perché sia reso accessibile a tutti il relativo sistema di accreditamento per mezzo di interventi finanziari a sostegno dei soggetti più svantaggiati, secondo principi di SOLIDARIETA’ e SUSSIDIARIETA’ ORIZZONTALE.

TUTTO CIÒ CONSIDERATO

Questo documento intende porsi come riferimento nell’ambito della valutazione della reputazione di persone fisiche e giuridiche in ogni suo aspetto.

CODICE DELLA REPUTAZIONE UNIVERSALE (CRU)

1. Tutte le persone fisiche e giuridiche vengono ad esistenza con una reputazione neutra. Tutte le azioni che svolgono o non svolgono e i comportamenti che assumono o non assumono nel corso della propria esistenza contribuiscono a creare la loro reputazione, che si va definendo nel tempo, in modo misurabile, come positiva o negativa.

2. Tutte le persone fisiche e giuridiche hanno diritto a tutelare la propria reputazione, anche successivamente alla loro morte o estinzione, affermando così i primati del diritto alla memoria e del diritto all’onore.

3. Tutte le persone fisiche e giuridiche hanno diritto a tutelare la propria reputazione contro accuse formulate da soggetti terzi.

4. Tutte le persone fisiche e giuridiche hanno il diritto di conoscere la reputazione di soggetti terzi al fine di tutelarsi da danni morali o materiali che possono derivare dalla relazione con tali soggetti terzi.

5. Tutte le persone fisiche e giuridiche hanno, quindi, il diritto alla sicurezza delle transazioni sociali che pongono in essere e l’effettività di tale diritto è tanto più tutelata da un sistema di accreditamento reputazionale che risponda a principi di oggettività, trasparenza, controllo pubblico diffuso1 .

6. Tutte le persone fisiche e giuridiche, per la difesa di un proprio diritto, hanno diritto a difendere la propria reputazione e a conoscere quella altrui, anche in caso di insufficienza dei mezzi economici a disposizione, con il ricorso a uno specifico fondo di sostegno costituito per la concreta attuazione dei principi di solidarietà e sussidiarietà orizzontale.

7. La diceria, quale informazione non documentata, non deve influire sulla reputazione di persone fisiche e giuridiche.

8. Ogni informazione documentata può essere usata ai fini della costituzione della reputazione. Si intendono per informazioni documentate quelle in forma di scritto o di immagine che attestano – a vario titolo – che un’azione sia stata o meno effettivamente compiuta o un comportamento sia stato o meno assunto.

9. È da intendersi per costituzione della reputazione l’esatta rappresentazione di azioni, omissioni e comportamenti di un soggetto all’interno di una comunità. A tale rappresentazione ciascuno ha il diritto dovere di partecipare, allorché ne derivi un vantaggio alla comunità stessa, mediante l’utilizzazione di informazioni documentate.

10. Le azioni, le omissioni e i comportamenti significativi compiuti da persone fisiche e giuridiche incidono positivamente sulla rispettiva reputazione se determinano vantaggi fisici, sociali, culturali od economici ad uno o più soggetti. 

11. Le azioni, le omissioni e i comportamenti significativi compiute da persone fisiche e giuridiche incidono negativamente sulla rispettiva reputazione se determinano danni fisici, sociali, culturali od economici ad uno o più soggetti.

12. Nessuna azione, omissione e comportamento che concretizzi o favorisca l’attuazione dei diritti e delle libertà enunciati nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani può incidere negativamente sulla reputazione di una persona fisica e giuridica.

13. Nessuna azione, omissione, comportamento che impedisca di attuare i diritti e le libertà enunciati nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani può incidere positivamente sulla reputazione di una persona fisica e giuridica.

14. La motivazione che spinge una persona fisica o giuridica a porre in essere una determinata azione, omissione, comportamento incide sul peso che avrà ai fini della correlata reputazione.

15. La reiterazione di una determinata azione, omissione, comportamento da parte di una persona fisica o giuridica incide in modo proporzionale sul peso che avrà ai fini della correlata reputazione.

16. La quantità di tempo trascorsa dal compimento di una azione, omissione, comportamento da parte di una persona fisica o giuridica incide in modo inversamente proporzionale sul peso che avrà ai fini della reputazione di chi la compie.

17. Le opinioni di una persona fisica, in qualsiasi ambito, non devono influire sulla sua reputazione.

18. La reputazione è trasformata nell’asset economico più diffuso al mondo attraverso la sua misurazione con i criteri e le modalità dettagliati nell’allegato Regolamento per la determinazione del Rating MEVALUATE.

 

(1) Controllo pubblico diffuso dei dati: ciascun soggetto (persona fisica o giuridica) può essere sia creatore di un profilo reputazionale, ma anche fruitore e controllore dei dati immessi da altri nel sistema, che risultano quindi visibili e liberamente accessibili a tutti gli utenti della “community Mevaluate”; chiunque può segnalare la presenza a sistema di informazioni non corrette, attraverso l’apposita sezione del sito web “Scopri il falsario”. Al fine di garantire l’affidabilità del soggetto che effettua la segnalazione e delle informazioni che lo stesso inserisce a sistema, devono ricorrere le seguenti condizioni:

  • il soggetto che effettua la segnalazione deve aver pubblicato un proprio profilo reputazionale secondo un principio di responsabilità che è il logico corollario del principio di “controllo diffuso”; la previsione della previa pubblicazione del proprio profilo come condizione per il soggetto segnalante scaturisce da una proposta del Gruppo di Ricerca e Sviluppo in Collaborazione Mevaluate, coordinato da PwC Advisory a cui hanno partecipato il CCASGO (Comitato di Coordinamento Alta Sorveglianza sulle Grandi Opere), ente pubblico multidisciplinare composto da dieci pubbliche amministrazioni coordinate dal Ministero dell’Interno, il Consorzio CBI (a cui partecipano 590 banche associate all’ABI) e 6 aziende corporate;
  • è garantito il “diritto di replica” al soggetto destinatario della segnalazione: infatti, al momento dell’inserimento della segnalazione, il sistema ne dà notifica all’utente interessato, che ha un termine definito dal Regolamento per inserire la propria riposta documentata. Prima di tale scadenza, la segnalazione resta sotto forma di bozza visibile solo al “segnalante” ed al “segnalato”. La segnalazione diventa visibile a tutta la “community Mevaluate” solo al termine di questo “periodo di tutela” e una volta effettuate le dovute verifiche da parte del Consulente Reputazionale (avvocato, commercialista, esperto contabile, consulente del lavoro, notaio, revisore legale) certificato dall'Organismo di Certificazione indipendente relativamente a informazioni e documenti inseriti a sistema da entrambe le parti.

Deposito SIAE – SEZIONE OLAF – Opere Inedite e U. S. Copyright Office del 11.06.2013